Lo Smemorato di Collegno

24.03.2016

Nel saggio di John Ruskin Turner e i Preraffaelliti un pensiero mi colpì come una fucilata, senza per questo farmi passar a miglior vita: “Il più nobile di tutti i sentimenti: un assoluto smemoramento dell’io”. Mi ricordai così dei vari pastiches che da Clementi fino a Casella e Ravel si sono sviluppati prendendo una composizione e rielaborandola secondo il proprio gusto. Un po' come prendere un’oggetto e spostarlo così da poterne osservare rifrazione, sfaccettature, volume ed effetti sullo stesso. Così ho cominciato a sviluppare una serie di arrangiamenti di quella romanza “perché taccia il rumor di mia catena”: nove.

 

 

 

 

 

 

                   Foto di Piergiorgio Pirrone

Please reload

Post in evidenza

Può essere attuale una lettera del 1842?

March 10, 2016

1/5
Please reload

Post recenti

November 8, 2016

November 7, 2016

Please reload

Archivio

Please reload

Cerca per tag

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Seguici

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2020. Sito di proprietà di Lo Studio dell'Artista.com

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon