Quando si dice: la tecnologia

21.10.2016

Durante le riprese di un brano al pianoforte, che per autentico pudore l’eccelso autore preferiamo non scomodare, fortuna ha voluto che le telecamere e i microfoni ancora fossero accesi. Malgrado gli sforzi, giunti ormai al limite dello sfinimento, dopo aver provato e riprovato, per ore e ore consecutive, con la troupe ormai prossima allo sfinimento, finalmente l’esecutore ha trovato un modo appropriato per rendere inequivocabilmente comprensibile la sua singolare e quanto meno ispirata - aggiungiamo noi - sublime esecuzione. Così l’interpretazione, per non perderne la grandezza, sinteticamente qui andiamo a riassumere: precisione dell’attacco, pedale dosatissimo, respiri ineccepibili, dinamiche esemplari, tempi rigorosi, senso della forma e sfumature di coerenza davvero eccezionali. Unico appunto, non così rilevante in verità, una gestualità ed una espressività poco sobri, e un ghigno forse inappropriato ad uno che vorrebbe spacciarsi come “pianista”.

Please reload

Post in evidenza

Può essere attuale una lettera del 1842?

March 10, 2016

1/5
Please reload

Post recenti

November 8, 2016

November 7, 2016

Please reload

Archivio

Please reload

Cerca per tag

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Seguici

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2020. Sito di proprietà di Lo Studio dell'Artista.com

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon